RIPETERE UNA BUGIA TANTE VOLTE DA ESSERE CREDUTI 三人成虎

San Ren Cheng Hu

三人成虎

sān rén chéng hŭ

Ripetere una bugia così tante volte da essere creduti

Nel periodo degli Stati Combattenti (453-221 a.C.) numerosi stati, tra cui quelli di Han, Wei, Zhao, Qi, Qin, Yan e Chu, combatterono tra di loro per avere la supremazia nell’antica Cina.

Un anno, lo stato di Wei si alleò con lo stato di Zhao e per assicurare la loro alleanza, i due stati stabilirono di scambiarsi i loro principi come ostaggi.

Pang Cong, ministro dello stato di Wei, fu scelto per accompagnare il principe di Wei nello stato di Zhao. Egli era preoccupato che durante la sua assenza, i suoi opponenti politici avrebbero parlato male di lui. Per questo motivo, si recò dal Duca di Wei e disse: “Una persona ritiene che ci siano delle tigri per le strade. Lei ci crede?” Il duca rispose: “No, non ci credo.” Più tardi Pang Cong disse: “Proprio ora un’altra persona ha affermato che ci sono tigri per le strade. Lei ci crede?” Il duca si mostrò perplesso. Poi, Pang Cong disse di nuovo: “Ora una terza persona ha riferito lo stesso. Lei ci crede adesso?” Il duca rispose: “Sì, ci credo.” Pang Cong continuò: “Non c’è nessuna tigre per le strade, come è naturale che sia! Ma se tre persone affermano la stessa cosa, lei ci crede! Dovremmo stare attenti al pericolo che le chiacchiere senza fondamento possano ottenere credito. Non bisogna lasciarsi ingannare dalle menzogne. Io ora mi sto recando nella capitale dello stato di Zhao, lontano da Daliang (capitale dello stato di Wei), sicuramente ci saranno persone che parleranno male di me quando sarò via, spero che Sua Maestà valuti le chiacchiere con giudizio.” Il duca rispose: “Sì, lo farò.” Tuttavia, dopo che Pang Cong se ne fu andato, il duca diede credito ai pettegolezzi calunniosi sul suo conto e non si fidò più di lui.

Questo chengyu, letteralmente tradotto “Tre persone fanno una tigre”, descrive la situazione in cui una diceria infondata, se ripetuta abbastanza, potrebbe essere creduta. Un po’ come la locuzione latina “Vox populi, vox Dei”.

Fonti:

Disegno: Anna Jahier

3 pensieri riguardo “RIPETERE UNA BUGIA TANTE VOLTE DA ESSERE CREDUTI 三人成虎

  1. Complimenti per il disegno. Molto carino.
    Mi dicono che non e’ vero che l’abbia fatto Anna ma che sia stato copiato…
    “Voce e popolo voce e Dio”…ah, ah, ah!
    (pensavo fosse un proverbio napoletano ma evidentemente mi sbagliavo.)
    Grazie Sinaforum

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *